Le proposizioni restrittive

Come indica il loro nome, le proposizioni restrittive forniscono un’indicazione indispensabile per definire o identificare la persona o la cosa di cui tratta la frase. Si consideri per esempio la frase: Dogs that like cats are very unusual. In questo caso, pur sapendo che ci sono molti cani al mondo, si comprende che la frase si riferisce solo ai cani a cui piacciono i gatti. La proposizione restrittiva ci fornisce questa indicazione. Se la proposizione restrittiva fosse rimossa dalla frase, la frase rimarrebbe grammaticalmente corretta ma il suo significato cambierebbe in modo significativo.

Le proposizioni restrittive sono composte da un pronome relativo (che può essere omesso), un verbo ed altri elementi opzionali, come il soggetto e il complemento del verbo. La proposizione non è incidentale, vale a dire non è tra virgole. Le virgole e le parentesi sono usate per separare le proposizioni non restrittive dal resto della frase.

Esempi
  • Children who hate chocolate are uncommon.
  • They live in a house whose roof is full of holes.
  • An elephant is an animal that lives in hot countries.
  • Let's go to a country where the sun always shines.
  • The reason why I came here today is not important.

Pronomi relativi

I pronomi relativi seguenti si usano per formare le proposizioni restrittive; essi introducono la proposizione restrittiva e si riferiscono a un nome che appare nella frase antecedente.

  Persona Cosa Luogo Tempo Motivo
Soggetto who/that which/that      
Oggetto who/whom/that which/that where when why
Possessivo whose whose      
Uso di that nell'inglese orale

I pronomi who, whom which sono spesso sostituiti dal pronome that nell'inglese orale. Il pronome whom è molto formale e si utilizza solo nell'inglese scritto; al suo posto si possono usare i pronomi whothat oppure omettere del tutto il pronome. Gli esempi di seguito specificano il pronome di uso corrente e le proposizioni non-restrittive sono in grassetto. Il pronome relativo che si dovrebbe usare al posto di that nell'inglese formale è riportato tra parentesi.

Esempi
  • The dish that I ordered was delicious. (which)
  • The man that came with her has already left. (who)
  • The doctor that I was hoping to see wasn't on duty. (whom)
Pronome relativo facoltativo

Il pronome relativo può essere omesso solo quando è l'oggetto della proposizione. Se il pronome relativo è il soggetto della proposizione esso è obbligatorio. Si comprende facilmente quando il pronome relativo è l'oggetto della proposizione perché è seguito da un altro soggetto + verbo. Nella prima frase di esempio qui sotto, il pronome relativo non può essere omesso perché è il soggetto della proposizione relativa ("the woman spoke" - è la donna che ha parlato). Nella seconda frase di esempio, il pronome può essere omesso perché "the woman" è l'oggetto del verbo "loved".

Nome, soggetto della clausola principale Pronome relativo Verbo + proposizione relativa Verbo + proposizione relativa
The woman that spoke at the meeting was very knowledgeable.
The woman (that) the man loved was living in New York.
Altri usi di "that"

That è spesso usato per introdurre proposizioni relative restrittive quando seguono le parole something, anything, everything, nothing, all o un superlativo. That può essere omesso quando non è il soggetto della proposizione.

Esempi
  • There's something (that) you should know.
  • It was the best film (that) I've ever seen.
  • Do you have anything that will help my throat?
  • Everything (that) you say seems silly to me.
  • Nothing (that) anyone does can replace my lost bag.
  • I'm sorry, but that is all (that) I saw.